Storia della Calabria

La Calabria dalla Magna Grecia all'Unità d'Italia

La regione Calabria era abitata fina dal paleolitico e dal mesolitico.

Il primo popolo che vi si insediò di cui si ha storica certezza furono gli Musoni: essi a partire dal XVI secolo

A partire dall' VIII secolo l'area fu conquistata dai Greci che vi fondarono diverse colonie in particolare Rhegion (che diventerà Reggio), Kroton, Locri Epizephyrii, e Sybaris.

Successivamente furono costruite della sub-colonie quali: Kaulon, Hipponion, Medma, Terina e Scolacium.

I primi a giungere furono gli Achei che provenivano dalla regione dell'Acaia, nel Peloponneso, i quali fondarono Sibari e a Crotone.

Successivamente giunsero gli Eubei, dalla regione Eubea, che diedero vita a Reggio e Matauro.

Infine arrivarono i Locresi,  dalla Locride, che fondarono Ozoli.

I greci si spinsero anche in Basilicata, Campania e Puglia così da creare la Magna Grecia.

Tra il IV ed il III secolo a.C. il popolo italico dei Bruzi attaccò le colonie greche imponendo la propria supremazia.

A Portata di Mouse

Nel III secolo a.C i Romani con Augusto conquistarono il territorio dando vita alla Regio III Lucania et Bruttii , regione dell'Impero Augusteo.

Con il crollo dell'Impero la Calabria rimase in balìa di nuovi conquistatori e subì la guerra tra Goti e Bizantini per la supremazia del territorio.

I bizantini sconfissero i Goti ma in breve vennero attaccati dai longobardi e si ritirarono dalla Calabria settentrionale che si unì nel VI secolo al Salento dando vita al ducato di Calabria, che si trovata all'interno del thema ? circoscrizione- di Sicilia.

Conquistata la Sicilia dagli arabi, si venne a formare il thema di Calabria.

Tra i VII ed il X secolo le aree costiere subirono numerosi attacchi di pirati ed anche pestilenze, il che portò gli abitanti a ritirarsi verso l'interno.

Ma non solo, vi furono anche lotte tra arabi e bizantini che indebolirono e snervarono la Calabria.

Nel 1061 il territorio passò ai Normanni, con la famiglia degli Altavilla.

A partire da allora iniziò a svilupparsi il sistema feudale.

Agli Altavilla seguirono gli Svevi e gli Angioni; successivamente nel 1443 gli Aragonesi conquistano il regno.

A partire dal 1582 la la Calabria è divisa ufficialmente in Calabria Ulteriore e Calabria Citeriore, ognuna con un governatore proprio: la prima con capoluogo Reggio fino al 1593, poi Catanzaro e Monteleone (l'attuale Vibo Valentia) fino al 1816; la seconda con capoluogo Cosenza.

La regione partecipa attivamente ai moti rivoluzionari dell'800 per poi unirsi al Regno d'Italia nel 1860.

Navigare Facile